Home > Catalogo > Axon > 1 | 1 | 2017 > Regolamentazione delle Artemisie di Eretria
cover
cover

Regolamentazione delle Artemisie di Eretria

Barbara Leone    Università del Salento    

VIEW PDF DOWNLOAD PDF

abstract

La stele su cui è iscritta la regolamentazione delle Artemisie a Eretria è stata rinvenuta nel demo di Aulonari, distante circa venti chilometri dal sito dell’antica polis. Si tratta di un testo redatto nella seconda metà del IV secolo, con ogni probabilità fra il 340 e il 338 a.C., a breve distanza dalla cacciata del tiranno Clitarco, avvenuta grazie all’intervento di Ateniesi e Calcidesi. La legge fornisce le indicazioni per l’allestimento degli agoni musicali in onore di Artemide, divinità principale del pantheon eretriese, come attestato da Strabone (10.1.10 C448), che ricorda una imponente processione di cavalieri, carri e soldati diretta al santuario della dea ad Amarynthos. L’organizzazione dell’agone presenta numerose caratteristiche simili a quello svolto durante le Panatenee ad Atene nel 380 a.C. Dal testo emerge l’impegno della polis di Eretria a realizzare una festa ὡς καλλίσστη in onore della dea: l’enfasi posta sulla riuscita delle celebrazioni va inquadrata nella temperie culturale del IV secolo, quando le feste cittadine sembrano assumere un ruolo determinante nell’affermazione identitaria delle poleis.

Pubblicato
30 Giugno 2017
Accettato
06 Novembre 2016
Presentato
27 Agosto 2016
Lingua
IT

Keywords: PanateneeEretriaStraboneAmarynthosArtemideAgoni musicaliAteneAteniesiAgoneCalcidesiClitarco

Copyright: © 2017 Barbara Leone. This is an open-access work distributed under the terms of the Creative Commons Attribution License (CC BY). The use, distribution or reproduction is permitted, provided that the original author(s) and the copyright owner(s) are credited and that the original publication is cited, in accordance with accepted academic practice. The license allows for commercial use. No use, distribution or reproduction is permitted which does not comply with these terms.