Home > Catalogo > Axon > 4 | 1 | 2020 > Epitafio per Dinia
cover
cover

Epitafio per Dinia

Marta Marucci    Università degli Studi della Basilicata, Italia    

VIEW PDF DOWNLOAD PDF

abstract

L’epitafio, inciso su una base di calcare bianco rinvenuta da E. Kirsten a Palero nel 1939, ad oggi risulta il più antico epigramma di età ellenistica proveniente dall’Acarnania. Il testo, composto da due distici elegiaci, commemora il guerriero Dinia, figlio di Learco, morto nel pieno della giovinezza mentre combatteva contro gli Etoli. Le caratteristiche paleografiche delle lettere dell’iscrizione permettono di collocarla alla fine del IV secolo: questa datazione sembra confermata anche da elementi interni al testo e da alcune fonti storiche (in particolare Diodoro). L’epitafio costituisce un’importante testimonianza di epigrammatistica locale: infatti, pur essendo stato realizzato da un anonimo versificatore, appare notevole sia dal punto di vista poetico (data la presenza di formule e topoi ben attestati in letteratura, come ad esempio il pianto per la mors immatura del guerriero) sia dal punto di vista linguistico (si rintracciano infatti forme desunte dal dialetto ionico e dall’epica).

Pubblicato
22 Giugno 2020
Accettato
25 Marzo 2020
Presentato
01 Marzo 2020
Lingua
IT

Keywords: Mors ante diemCaduti in guerraEpigramma ellenisticoEtà ellenisticaEtoliaAcarnania

Copyright: © 2020 Marta Marucci. This is an open-access work distributed under the terms of the Creative Commons Attribution License (CC BY). The use, distribution or reproduction is permitted, provided that the original author(s) and the copyright owner(s) are credited and that the original publication is cited, in accordance with accepted academic practice. The license allows for commercial use. No use, distribution or reproduction is permitted which does not comply with these terms.