Home > Catalogo > Ricerche giuridiche > 8 | 1 | 2019 > Il conflitto vita contro vita nel diritto penale
« articolo precedente | articolo successivo »
cover

Il conflitto vita contro vita nel diritto penale

Mario Sanchez Dafauce    Professore invitato di Diritto penale nella Universidad Carlos III di Madrid, Spagna    

PDF

abstract

In questo lavoro si opera una distinzione tra due modelli di risoluzione delle ipotesi di conflitto tra i beni giuridici della vita. Tali modelli funzionano come due livelli nella risoluzione di un caso: solamente se il primo è insufficiente, si passa al secondo. Il primo è lo stato di necessità oggettivo. È oggettivo perché si fonda sull’esistenza di un bilanciamento favorevole, cosicché questo bilanciamento permette l’intervento giustificato anche di terzi esterni al conflitto. Si includono in questa categoria i casi in cui vi sia una ‘condivisione del pericolo’ ed i casi estremi come quello della prevenzione delle stragi. Il secondo è lo stato di necessità soggettivo (personale). È soggettivo perché manca un bilanciamento favorevole e si fonda, esclusivamente, sulla non esigibilità di una condotta diversa.

Pubblicato
24 Giugno 2019
Lingua
IT