« volume precedente | volume successivo »
cover

Gli Sguardi i Fatti e Senhal




Andrea Zanzotto

a cura di

Mattia Carbone    Università Ca’ Foscari Venezia, Italia    

PDF

abstract

È il 1969: l’uomo sbarca sulla luna e Zanzotto canta l’evento nei versi de «Gli Sguardi i Fatti e Senhal» come il più classico poeta civile. Meno classico è il linguaggio, che manifesta e interroga la crisi, a un tempo universale e individuale, del rapporto dell’uomo con la parola. Il commento si propone di guidare il lettore nell’esegesi con riferimenti puntuali alla produzione poetica precedente e immediatamente successiva, decifrando con parzialità programmatica quello che si potrebbe definire un primo esempio di Rorschach in poesia.

Pubblicato: 11 Febbraio 2017

Lingua: it

ISBN (print): 978-88-6969-117-1
ISBN (ebook): 978-88-6969-116-4
DOI 10.14277/978-88-6969-116-4

permalink http://doi.org/10.14277/978-88-6969-116-4

Creative Commons License This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License 

share