Home > Catalogue > Ricerche giuridiche > 5 | 2 | 2016 > Sciogliere l’individuo nell’ordine economico
cover
cover

Sciogliere l’individuo nell’ordine economico

L’abuso del diritto nell’esperienza tedesca

Sonja Haberl    Professore ordinario di Diritto privato comparato nell’Università di Ferrara, Italia    

Alessandro Somma    Università di Ferrara    

VIEW PDF DOWNLOAD PDF

abstract

L’articolo in oggetto descrive le problematiche collegate all'abuso del diritto nell'ordinamento tedesco, partendo da riflessioni generali inserite nel contesto dell'ordine economico sottostante, per poi dedicarsi all'analisi delle elaborazioni dottrinali e degli orientamenti giurisprudenziali in tema di Rechtsmissbrauch. Il lavoro mette in luce come il Reichsgericht prima e il Bundesgerichtshof poi siano profondamente influenzati dalle teorie formulate nel corso degli anni Trenta da Wolfgang Siebert, acceso sostenitore del nazismo e ritenuto il principale fautore della teoria dell’abuso del diritto nella versione tuttora prevalente.  Quest'ultima si contraddistingue per l'elaborazione, a partire dalle pronunce del Bundesgerichtshof, di diversi "casi esemplificativi" (Fallgruppen), quali il cd. venire contra factum poprium, la Verwirkung, l'acquisto e frustrazione sleale di una posizione giuridica e l'assenza di un interesse legittimo. A tal proposito il lavoro riporta  i principali sviluppi giurisprudenziali concludendo per una visione del Rechtsmissbrauch quale istituto finalizzato a trasformare in chiave ordoliberale la concorrenza in strumento di direzione politica dei comportamenti individuali in ambito economico.

Accepted
Feb. 13, 2017
Submitted
Dec. 14, 2016
Language
IT
Copyright: © 2016 Sonja Haberl, Alessandro Somma. This is an open-access work distributed under the terms of the Creative Commons Attribution License (CC BY). The use, distribution or reproduction is permitted, provided that the original author(s) and the copyright owner(s) are credited and that the original publication is cited, in accordance with accepted academic practice. The license allows for commercial use. No use, distribution or reproduction is permitted which does not comply with these terms.