L’architettura del Deccan tra il XIV e il XVI secolo

L’architettura del Deccan tra il XIV e il XVI secolo

  pdf


Views 40
Downloads 6

Tema
chevron_rightLingue e culture del Medio ed Estremo Oriente

Lingua
it

ISBN (print)
978-88-6969-249-9

ISBN (ebook)
978-88-6969-243-7

ISSN
chevron_right 2610-8879

e-ISSN
chevron_right 2610-9433

Data pubblicazione
06 Apr 2018

Condividi

Metadati

Eurasiatica | 10

L’architettura del Deccan tra il XIV e il XVI secolo
Incontri, sincretismi e costruzioni identitarie

Sara Mondini
ORCID 0000-0001-5243-6621 
Università Ca’ Foscari Venezia, Italia
sara.mondini@unive.it

DOI 10.30687/978-88-6969-243-7

Abstract

Il volume, muovendo dall’analisi dello stile architettonico promosso in Deccan dalla dinastia dei Bahmani (1347-1527), intende offrire uno spaccato della complessità sociale, religiosa e culturale della regione. L’identificazione di modelli e vocabolari eletti consente di ridefinire ‘scontri’, ‘incontri’ e sincretismi tra le diverse identità presenti, consolidatesi e rimodellatesi nel tempo proprio attraverso un reciproco guardarsi. Lo scenario tratteggiato e la condivisione di spazi e riti rivelano l’inapplicabilità delle categorie che generalmente dominano gli studi sul subcontinente indiano anche in ambito storico-artistico, ridisegnando la geografia sacra della regione e i rapporti tra le comunità coinvolte.

Creative Commons License This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License 

Sommario

Sommario

×
Campo DC Valore

dc.contributor.author

Mondini Sara

dc.title

L’architettura del Deccan tra il XIV e il XVI secolo

dc.type

Book

dc.language.iso

it

dc.description.abstract

Il volume, muovendo dall’analisi dello stile architettonico promosso in Deccan dalla dinastia dei Bahmani (1347-1527), intende offrire uno spaccato della complessità sociale, religiosa e culturale della regione. L’identificazione di modelli e vocabolari eletti consente di ridefinire ‘scontri’, ‘incontri’ e sincretismi tra le diverse identità presenti, consolidatesi e rimodellatesi nel tempo proprio attraverso un reciproco guardarsi. Lo scenario tratteggiato e la condivisione di spazi e riti rivelano l’inapplicabilità delle categorie che generalmente dominano gli studi sul subcontinente indiano anche in ambito storico-artistico, ridisegnando la geografia sacra della regione e i rapporti tra le comunità coinvolte.

dc.relation.ispartof

Eurasiatica

dc.publisher

Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing

dc.date.issued

2018-04-06

dc.dateAccepted

None

dc.dateSubmitted

None

dc.identifier.uri

http://doi.org/10.14277/978-88-6969-243-7/EUR-10

dc.identifier.issn

2610-8879

dc.identifier.eissn

2610-9433

dc.identifier.isbn

978-88-6969-249-9

dc.identifier.eisbn

978-88-6969-243-7

dc.rights

Creative Commons 4.0 Attribution alone

dc.rights.uri

http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

item.fulltext

with fulltext

item.grantfulltext

open

Download