Inventario di bottega di Antonio Bosio veneziano (1646-1694)

Inventario di bottega di Antonio Bosio veneziano (1646-1694)

  pdf


Views 44
Downloads 3

Topic
chevron_rightArchive­keeping, Bibliography, Paleography

Language
it

ISBN (print)
978-88-97735-48-9

ISBN (ebook)
978-88-97735-47-2

ISSN
chevron_right 2610-9875

e-ISSN
chevron_right 2610-9093

Date of publication
01 Nov 2013

Share

Metadati

Studi di archivistica, bibliografia, paleografia | 2

Inventario di bottega di Antonio Bosio veneziano (1646-1694)

edited by
Sabrina Minuzzi
Biblioteca Nazionale Marciana, Venezia, Italia
sabrina_minuzzi@yahoo.it

DOI 10.14277/978-88-97735-47-2

Abstract

Nel 2009 è uscito per i tipi di FrancoAngeli Il secolo di carta. Antonio Bosio artigiano di testi e immagini nella Venezia del Seicento. Allargando lo sguardo oltre i limiti biografici del protagonista – libraio, tipografo e incisore – e quelli geografici di Venezia, lo studio aveva cercato di fare di un oscuro ma poliedrico artigiano della carta stampata la chiave di lettura del commercio di testi e immagini dell’epoca in cui operava. Qui la seconda e ultima puntata del Secolo di carta, l’edizione integrale dell’inventario di bottega di Antonio Bosio, dal quale la prima ricerca era sbocciata. Era importante dare la possibilità di scorrerne le pagine per la quantità e l’estrema varietà dei materiali ivi descritti, che va dal libro al foglio volante di preghiere, dall’incisione da collezione a quella d’arredo o per laurea, dalle cartegloria ai ventagli e a molto altro ancora. Varietà che rende l’inventario veneziano quasi unico. L’edizione dell’Inventario, con nuovi documenti sulla famiglia Bosio illustrati nell’introduzione, nasce sotto l’auspicio della collaborazione tra persone e discipline. Fra bibliografia e storia – a torto spesso ritenute in competizione tra loro –, perché l’edizione di una fonte come questa invita a formulare riflessioni storiche a partire dall’osservazione di fenomeni bibliografici, anche i più minuti e apparentemente insignificanti. Collaborazione fra persone perché invita tutti i lettori ad appassionarsi al gioco di individuazione degli esemplari superstiti delle voci d’inventario che ancora mancano di identificazione, o, al contrario, a prendere coscienza della loro definitiva scomparsa, spia sfuggente dei silenzi della storia.

Creative Commons License This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License 

×
Campo DC Valore

dc.title

Inventario di bottega di Antonio Bosio veneziano (1646-1694)

dc.type

Book

dc.language.iso

it

dc.description.abstract

Nel 2009 è uscito per i tipi di FrancoAngeli Il secolo di carta. Antonio Bosio artigiano di testi e immagini nella Venezia del Seicento. Allargando lo sguardo oltre i limiti biografici del protagonista – libraio, tipografo e incisore – e quelli geografici di Venezia, lo studio aveva cercato di fare di un oscuro ma poliedrico artigiano della carta stampata la chiave di lettura del commercio di testi e immagini dell’epoca in cui operava. Qui la seconda e ultima puntata del Secolo di carta, l’edizione integrale dell’inventario di bottega di Antonio Bosio, dal quale la prima ricerca era sbocciata. Era importante dare la possibilità di scorrerne le pagine per la quantità e l’estrema varietà dei materiali ivi descritti, che va dal libro al foglio volante di preghiere, dall’incisione da collezione a quella d’arredo o per laurea, dalle cartegloria ai ventagli e a molto altro ancora. Varietà che rende l’inventario veneziano quasi unico. L’edizione dell’Inventario, con nuovi documenti sulla famiglia Bosio illustrati nell’introduzione, nasce sotto l’auspicio della collaborazione tra persone e discipline. Fra bibliografia e storia – a torto spesso ritenute in competizione tra loro –, perché l’edizione di una fonte come questa invita a formulare riflessioni storiche a partire dall’osservazione di fenomeni bibliografici, anche i più minuti e apparentemente insignificanti. Collaborazione fra persone perché invita tutti i lettori ad appassionarsi al gioco di individuazione degli esemplari superstiti delle voci d’inventario che ancora mancano di identificazione, o, al contrario, a prendere coscienza della loro definitiva scomparsa, spia sfuggente dei silenzi della storia.

dc.relation.ispartof

Studi di archivistica, bibliografia, paleografia

dc.publisher

Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing

dc.date.issued

2013-11-01

dc.dateAccepted

None

dc.dateSubmitted

None

dc.identifier.uri

http://doi.org/10.14277/978-88-97735-47-2

dc.identifier.issn

2610-9875

dc.identifier.eissn

2610-9093

dc.identifier.isbn

978-88-97735-48-9

dc.identifier.eisbn

978-88-97735-47-2

dc.rights

Creative Commons 4.0 Attribution alone

dc.rights.uri

http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

item.fulltext

with fulltext

item.grantfulltext

open

Download