Che razza di letteratura è?

Che razza di letteratura è?

  pdf


Views 81
Downloads 15

Topic
chevron_rightLiterature

Language
it

ISBN (ebook)
978-88-6969-181-2

ISSN
chevron_right 2610-8860

e-ISSN
chevron_right 2610-9387

Date of publication
02 Nov 2017

Share

Metadati

Diaspore | 8

Che razza di letteratura è?
Intersezioni di diversità nella letteratura italiana contemporanea

Silvia Camilotti
ORCID 0000-0003-2556-3929 
Università Ca’ Foscari Venezia, Italia
silvia.camilotti@unive.it

Tatiana Crivelli
Università di Zurigo, Svizzera
tatcriv@rom.uzh.ch

DOI 10.14277/978-88-6969-181-2

Abstract

La forza performativa della finzione letteraria costituisce il punto di partenza di questo studio che, attraverso un nuovo approccio critico, prende in esame i modi con cui la letteratura riesce sia a rappresentare, sia a produrre nuove realtà. Nell’analizzare opere quali Il paese dove non si muore mai (Ornela Vorpsi, 2005) e Timira. Romanzo meticcio (Wu Ming 2 e Antar Mohamed, 2012), questo studio applica per la prima volta un approccio pienamente intersezionale ai testi della letteratura legata alle migrazioni. Esso mostra come l’efficacia delle figure letterarie della diversità, messe in scena in questi romanzi, sia esito di una sottile tessitura, che fa interagire tra loro fattori connessi al genere, all’estrazione socio-culturale e all’appartenenza/esclusione a un gruppo.

Creative Commons License This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License 

Table of contents

Table of contents

×
Campo DC Valore

dc.contributor.author

Camilotti Silvia

dc.contributor.author

Crivelli Tatiana

dc.title

Che razza di letteratura è?

dc.type

Book

dc.language.iso

it

dc.description.abstract

La forza performativa della finzione letteraria costituisce il punto di partenza di questo studio che, attraverso un nuovo approccio critico, prende in esame i modi con cui la letteratura riesce sia a rappresentare, sia a produrre nuove realtà. Nell’analizzare opere quali Il paese dove non si muore mai (Ornela Vorpsi, 2005) e Timira. Romanzo meticcio (Wu Ming 2 e Antar Mohamed, 2012), questo studio applica per la prima volta un approccio pienamente intersezionale ai testi della letteratura legata alle migrazioni. Esso mostra come l’efficacia delle figure letterarie della diversità, messe in scena in questi romanzi, sia esito di una sottile tessitura, che fa interagire tra loro fattori connessi al genere, all’estrazione socio-culturale e all’appartenenza/esclusione a un gruppo.

dc.relation.ispartof

Diaspore

dc.publisher

Edizioni Ca’ Foscari - Digital Publishing

dc.date.issued

2017-11-02

dc.dateAccepted

None

dc.dateSubmitted

None

dc.identifier.uri

http://doi.org/10.14277/978-88-6969-181-2

dc.identifier.issn

2610-8860

dc.identifier.eissn

2610-9387

dc.identifier.isbn

dc.identifier.eisbn

978-88-6969-181-2

dc.rights

Creative Commons 4.0 Attribution alone

dc.rights.uri

http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

item.fulltext

with fulltext

item.grantfulltext

open

Download